ALLARME OMEOPATIA APPUNTI PER AUDIZIONE PUBBLICA DELLA CAMERA DEI DEPUTATI Roma 11 LUGLIO 2014.

- Contestazione di principio: si deve effettuare un intervento per difendere un diritto sancito dall'articolo 38 della costituzione: la libertà di scelta terapeutica.

- Contestazione per l'improvvisa e ingiustificata interruzione di un servizio pubblico rivolto alla salute con grave danno per i Professionisti e i Pazienti che ne usufruiscono.

- Istituzione dell’Agenzia Italiana per il Farmaco Funzionale con (finalmente!) esperti aventi titolo della materia per la verifica e il controllo della produzione di rimedi Omeopatici da parte delle case farmaceutiche.

- Insegnamento universitario per Agopuntura, Omeopatia e tutte le altre discipline funzionali in maniera da formare i Professionisti e poterne controllare la qualità.

- Anacronismo della critica sul funzionamento o meno di queste metodiche funzionali: (migliaia di Operatori qualificati, milioni di Pazienti (11 milioni solo in Italia e si tratta di una sottostima) e innumerevoli centri di formazione e insegnamento in tutto il mondo.

- Basta con la vessazione verso la Medicina funzionale che ricorda molto l'apoteosi dell'ignoranza del periodo dei roghi degli stregoni (ancora peggio se la vessazione fosse dolosa). E' vero che questi periodi tormentosi ciclicamente si ripresentano ma è altrettanto auspicabile che durino il meno possibile e cessino appena se ne prenda coscienza.

-E’ necessario ammettere e riconoscere che negli organismi di controllo e di produzione delle leggi (AIFA, Ministero della Sanità, Governo) non esiste perizia nella materia in oggetto: concettualmente, logicamente, moralmente inammissibile per il danno che questa negligenza e ignoranza producono economicamente alle Aziende, allo Stato e in termini di salute ai Pazienti che utilizzano questi farmaci e metodi per la tutela, il mantenimento e il ripristino della salute personale, dei loro familiari e ambienti.

- Reintegrazione completa della Farmacopea Omeopatica che permetta alle aziende farmaceutiche produttrici di rendere disponibili tutti i rimedi elencati in qualunque diluizione e forma il Medico prescrittore richieda.

- Evidenza della necessità che controllo, sorveglianza e normativa sulle medicine funzionali siano sottoposte a esperti riconosciuti del settore e dei metodi e non, come ora succede, a funzionari assolutamente privi di conoscenze e di perizia nella materia alla quale applicano controlli e norme inadeguate (leggi AIFA).

- Ne deriva logicamente la necessità di formazione specialistica per i funzionari addetti a queste incombenze e certamente deve essere evitato l'utilizzo di non aventi titolo.

- Di seguito, evidentemente, l'adeguamento del regime fiscale applicato alle aziende Omeopatiche che tenga conto della realtà così distante da quella della produzione dei farmaci della Farmacopea tradizionale così detti Allopatici e di tutti quelli della filiera dei farmaci ponderali. 

Alcuni concetti sono ripetuti ma si tratta di appunti volanti. 

Dottor Paolo Mosconi Medico Chirurgo.

 

© 2014 Centro Studi di Medicine Naturali Cesmen www.cesmen.com - info@cesmen.com Tutti i diritti riservati