Decalogo delle vaccinazioni: pro

" Ecco un rapido 'decalogo' ad uso dei genitori, sulla pratica delle vaccinazioni. "

1. Ricordarsi del ripetuto detto che “prevenire é meglio che curare”. I vaccini rappresentano un autentico strumento di prevenzione da praticare con fiducia.
2. Rispettare con attenzione il calendario vaccinale stabilito dall'autorità sanitaria, e stabilire con il medico di fiducia le vaccinazioni da effettuarsi.
3. Esigere che nella classe del proprio figlio, i bambini abbiano ricevuto le vaccinazioni raccomandate dall'autorità sanitaria.
4. Pianificare con cura le vacanze in paesi esotici, praticando con attenzione le vaccinazioni idonee al luogo di soggiorno.
5. Il vaccinando non deve essere affetto da malattie o condizioni acute o croniche che ne compromettano la funzione immunitaria: la vaccinazione sarebbe inutile e probabilmente dannosa. Chi si sottopone ad una vaccinazione non deve essere, di norma, in corso di gestazione, e deve essere informato dei tempi di sicurezza prima di poter concepire senza rischio specifico.
6. Usufruendo di un vaccino multiantigene si risparmiano risorse e tempo, ma soprattutto, si minimizza il rischio di incorrere in improprie associazioni quando é necessario somministrare simultaneamente più vaccini. La vaccinazione multiantigene in unica somministrazione (penta ed esavalente) é anche suggerita a servizi rivolti ai bambini, essendo meno traumatica e più pratica da gestire in ambienti ambulatoriali.
7. Preferendo i vaccini di nuova formulazione il rischio di incidenti vaccinali é praticamente inesistente. I precedenti anamnestici di crisi allergiche sono un elemento importante, ma talvolta imponenti reazioni di ipersensibilità si verificano senza alcun precedente. Per questo motivo tutte le vaccinazioni devono essere praticate in ambiente idoneo (ambulatori o sala medica attrezzata), da personale esperto anche nelle manualità, e con piena disponibilità dei presidi antishock. E' opportuno un breve periodo di osservazione, dopo che la vaccinazione è stata praticata.
8. Il vaccino deve essere stato conservato conformemente alle sue specifiche di temperatura e deve esserne controllata la data di scadenza. La vaccinazione va praticata conformemente alle specifiche del prodotto (via intramuscolare, sottocutanea e via orale).
9. Chi si sottopone alla vaccinazione deve essere comodamente seduto o sdraiato, prevenendo lipotimie, imputabili di solito allo stato emotivo, ma che comportano il rischio di ferite.
10. Verificare annualmente con il medico curante l'opportunità della vaccinazione antinfluenzale, prima della stagione invernale.

Fonte: www.genitori.it.

E’ indispensabile leggere, dopo questo articolo, quello commentato dal Dottor Paolo Mosconi Medico Chirurgo dal titolo “Decalogo delle vaccinazioni pro e CONTRO”

Decalogo delle vaccinazioni pro
Adattamento alla pubblicazione elettronica: Dottor Paolo Mosconi.